Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Presentazione a Roma dei Manuali per gli insegnanti dell’ODIHR contro l’antisemitismo

Sono stati presentati a Roma, presso il Ministero dell’Istruzione, alla presenza del Direttore dell’Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani (ODIHR), Matteo Mecacci, i manuali per gli insegnanti dell’OSCE contro l’antisemitismo, resi disponibili in italiano grazie ad un progetto sostenuto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

L’evento è stato presieduto dal Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che ha presentato anche le Linee guida contro l’antisemitismo nella scuola, frutto di un’iniziativa nazionale e che verranno distribuite a tutti gli istituti scolastici italiani.

Oltre al Ministro Bianchi e al Direttore Mecacci, hanno partecipato all’evento Milena Santerini, Coordinatrice Nazionale per la lotta contro l’antisemitismo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Noemi Di Segni, Presidente dell’UCEI, Stefano Versari, Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, Antimo Ponticiello, Direttore della Direzione per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento scolastico, Amb. Luigi Maccotta, Capo della Delegazione italiana presso l’IHRA (International Holocaust Remembrance Alliance).

I manuali sono disponibili online sul sito di ODIHR:

1. Conoscere meglio gli Ebrei e l’ebraismo

2. Superare i pregiudizi inconsapevoli

3. Affrontare gli stereotipi e i preconcetti antisemiti

4. Mettere in discussione le teorie della cospirazione

5. Insegnare cos’è l’antisemitismo attraverso l’insegnamento della Shoah

6. Affrontare la negazione, la distorsione e la banalizzazione della Shoah

7. L’antisemitismo e la trattazione della memoria nazionale

8. Gestire gli episodi di antisemitismo

9. Gestire l’antisemitismo online

10. L’antisemitismo e la situazione in Medio Oriente

 

Maggiori informazioni sull’evento sono disponibili sulla pagina del Ministero dell’Istruzione.