Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La Presidenza italiana dell’OSCE nel 2018

 

La Presidenza italiana dell’OSCE nel 2018

2017 12 12 it chairmanship logo rgb fot screen

 

La Presidenza dell’OSCE viene esercitata per la durata di un anno dallo Stato partecipante dell’OSCE designato a tal fine da una decisione del Consiglio Ministeriale. La funzione di Presidente in esercizio viene esercitata dal Ministro degli Affari Esteri di quello Stato.

Con decisione unanime adottata dagli Stati Partecipanti dell’OSCE nel 2016, l’Italia è stata nominata alla Presidenza dell’OSCE per il 2018. Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018, pertanto, il nostro Paese ha coordinato il processo decisionale e ha definito le priorità dell’attività dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa.

Nell’adempimento dei suoi compiti, la Presidenza italiana è stata coadiuvata dall’Austria, come Presidenza uscente 2017, e dalla Slovacchia, come Presidenza entrante nel 2019. Le tre Presidenze hanno operato congiuntamente nella “Troika OSCE”. 

Le funzioni di Presidente in esercizio dell’OSCE sono state svolte dai Ministri degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Angelino Alfano (fino al 31 maggio 2018) ed Enzo Moavero Milanesi (dal 1° giugno).

Il XXV Consiglio Ministeriale dell’OSCE si è tenuto a Milano il 6-7 dicembre 2018. In tale occasione i Ministri degli Esteri dei 57 Stati Partecipanti dell’OSCE hanno approvato undici tra Decisioni e Dichiarazioni.

 

L’azione dell’Italia alla guida dell’OSCE nel 2018 si è basata sulle seguenti priorità:

- Pieno sostegno politico, in continuità con l’azione delle precedenti Presidenze, agli sforzi per la ricerca di una soluzione alla crisi ucraina, basata sugli accordi di Minsk e in raccordo con il formato Normandia. Al contempo attenzione prioritaria è stata dedicata al ruolo dell’OSCE nei conflitti “protratti” (Nagorno-Karabakh; Transnistria; Georgia: Abkhazia e Ossezia).

- Maggiore focus sulle sfide e le opportunità provenienti dal Mediterraneo, incluse le migrazioni, come sottolineato in occasione della Conferenza Mediterranea dell’OSCE tenutasi a Palermo il 24-25 ottobre 2017.

- Approccio pro-attivo sulle tre “dimensioni” di sicurezza dell’OSCE (politico-militare, economico-ambientale, diritti umani) e sulle nuove sfide transnazionali (terrorismo, cyber security, lotta ai traffici illeciti, dal narcotraffico al traffico di beni culturali). Nella dimensione politico-militare, particolare attenzione è stata dedicata all’approfondimento del "Dialogo strutturato sulle sfide e i rischi alla sicurezza regionale, presenti e futuri", volto a contribuire al ripristino di un clima di fiducia tra gli Stati Partecipanti, stimolando la discussione sull’evoluzione della sicurezza in Europa e sulle modalità per ristabilire un livello adeguato di “sicurezza cooperativa”.

- La Presidenza italiana dell’OSCE ha proseguito il lavoro svolto dalle Presidenze austriaca (2017) e tedesca (2016) per rafforzare la Seconda Dimensione (economico-ambientale) dell’OSCE, che rappresenta un terreno in cui interessi comuni e meno divisivi possono contribuire ad alimentare un’atmosfera di cooperazione potenzialmente utile anche in ambiti più complessi. Abbiamo rafforzato dialogo e cooperazione su questioni quali la promozione del progresso economico e della sicurezza attraverso l’innovazione, il capitale umano, il buon governo e la transizione energetica verde.

- Importanza prioritaria ha rivestito la Terza Dimensione (diritti umani) nella convinzione che il rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali e dello stato di diritto siano aspetti legati in maniera imprescindibile alla nostra sicurezza. La Presidenza italiana ha promosso l'universalità e indivisibilità di tutti i diritti fondamentali, nonché il contrasto a ogni forma di discriminazione e intolleranza. Particolare attenzione è stata dedicata al contrasto della tratta di esseri umani.

 

PRINCIPALI APPUNTAMENTI ORGANIZZATI DALLA PRESIDENZA ITALIANA DELL'OSCE NEL 2018

Primo incontro preparatorio del 26esimo Foro Economico e Ambientale, Vienna, 22-23 gennaio 2018

Conferenza sulla responsabilità degli Stati, delle Istituzioni e degli Individui nella lotta all’anti-semitismo nell’area OSCE, Roma, 29 gennaio 2018

Conferenza OSCE contro il terrorismo, Roma, 10-11 maggio 2018

Secondo incontro preparatorio del 26° Foro Economico e Ambientale dell’OSCE, Venezia, 24-25 maggio 2018

Conferenza di Roma sulla Transnistria, Roma, 29-30 maggio 2018

Inaugurazione della mostra “Tesori recuperati” al Kunsthistorisches Museum, Vienna, 30 maggio 2018

Incontro conclusivo del 26° Foro Economico e Ambientale dell’OSCE, Praga, 5-7 settembre 2018

Incontro annuale di implementazione degli impegni nella dimensione umana OSCE, Varsavia, 10-21 settembre 2018

 

DOCUMENTI DELLA PRESIDENZA ITALIANA DELL'OSCE NEL 2018

Documento programmatico della Presidenza italiana dell'OSCE

Discorso del Ministro Alfano sulla futura Presidenza italiana dell'OSCE, Consiglio Permanente OSCE, 20 luglio 2017, Vienna

La squadra: organigramma della Presidenza italiana (Ministero degli Esteri a Roma)

La squadra: organigramma della Presidenza italiana (Rappresentanza Permanente a Vienna)

Rappresentanti Speciali e Personali del Presidente in Esercizio

Presidenti dei Comitati del Consiglio Permanente

Presidenti dei Gruppi di Lavoro Informali

Discorso del Presidente in esercizio dell'OSCE, Ministro Moavero Milanesi (video), 31 agosto 2018, Vienna (video in inglese qui)

 


80