Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L'OSCE rimane un forum essenziale per il dialogo, la fiducia e la cooperazione, afferma il Ministro degli Esteri italiano Moavero Milanesi al Consiglio Permanente

Data:

31/08/2018


L'OSCE rimane un forum essenziale per il dialogo, la fiducia e la cooperazione, afferma il Ministro degli Esteri italiano Moavero Milanesi al Consiglio Permanente

VIENNA, 30 agosto 2018 - Nel suo primo discorso al Consiglio Permanente dell'OSCE dalla sua nomina a Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale il 1 ° giugno 2018, il Presidente in esercizio dell'OSCE Enzo Moavero Milanesi ha riaffermato il forte impegno del Governo italiano a rafforzare il ruolo dell'organizzazione come forum per il dialogo politico.

"L'OSCE è uno strumento di fondamentale importanza, in particolare in questa fase storica, che consente di mantenere aperti i canali di comunicazione sulle principali crisi regionali".

Il Ministro Moavero Milanesi ha ribadito la determinazione della Presidenza italiana dell'OSCE del 2018 per riaccendere lo spirito di Helsinki, ma anche per promuovere una "nuova Helsinki" che offra una piattaforma efficace per un dialogo costruttivo tra Est e Ovest e contribuisca a un clima di fiducia e cooperazione.

Il Presidente in Esercizio ha sottolineato che, mentre la vecchia idea di sicurezza era basata sull'acquisizione e la proprietà delle informazioni, la sicurezza moderna e la lotta contro le sfide globali odierne si basano su uno scambio e una condivisione continui di informazioni tra gli Stati.

Facendo riferimento alle principali aree di interesse della Presidenza italiana 2018, Moavero Milanesi ha sottolineato l'importanza della dimensione mediterranea e le sfide derivanti dai flussi migratori. "Lavorando in collaborazione con altri, la nostra Organizzazione ha il potenziale per svolgere un ruolo maggiore nello sviluppo della governance globale delle migrazioni, promuovendo una stretta collaborazione tra i paesi di origine, transito e destinazione e incoraggiando la responsabilità condivisa".

"La ricerca di una soluzione sostenibile alla crisi in e intorno all'Ucraina è tra le principali priorità della Presidenza italiana dell'OSCE", ha affermato il presidente. "Le parti devono assumersi le proprie responsabilità, basate sul pieno rispetto del cessate il fuoco e sul rilancio del processo politico all'interno del Gruppo di contatto trilaterale e del formato Normandia".

Riferendosi ai conflitti protratti nell'area dell'OSCE, Moavero Milanesi ha espresso soddisfazione per il fatto che il dialogo tra Armenia e Azerbaigian non sia stato interrotto a causa dei recenti sviluppi politici nei due paesi. Ha anche preso atto dei recenti progressi nel processo di risoluzione del conflitto in Transnistria, notando in particolare l'importanza del Protocollo di Roma, che riflette gli impegni assunti dalle parti in merito a scadenze e meccanismi per assicurare la rapida messa a punto delle questioni in sospeso dalle priorità del "package of eight".

Il Presidente ha sottolineato l'importanza della cooperazione per combattere le minacce transnazionali come il terrorismo, la criminalità informatica, la criminalità organizzata e la tratta di esseri umani. "Chiamiamo queste sfide globali. Ma questi sono flagelli globali. Dobbiamo unire le forze e agire insieme. Investiremo i nostri sforzi in tutte e tre le dimensioni della sicurezza, politico-militare, economica e ambientale oltre che umana - incluso lo stato di diritto, la democrazia e il rispetto dei diritti fondamentali dell'individuo ".

"La nostra Presidenza dell'OSCE è ispirata da una visione positiva e a lungo termine che migliorerà il ruolo dell'Organizzazione, in cui crediamo fermamente. Tuttavia, affinché questa visione si traduca in azioni concrete e di successo, è essenziale che sia sostenuta dagli sforzi di ciascuno dei 57 Stati partecipanti per far fronte alla nostra responsabilità di ridurre le tensioni attraverso il dialogo, utilizzando tutti gli strumenti di sicurezza cooperativa che condividiamo."


51