Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Secondo incontro supplementare della Dimensione Umana

Data:

02/07/2018


Secondo incontro supplementare della Dimensione Umana

Si è tenuto a Vienna il 2 e 3 Luglio 2018 il secondo incontro supplementare della Dimensione Umana, dedicato al tema "Contrasto alla violenza contro le donne - Una responsabilità di tutti", organizzato dalla Presidenza italiana dell'OSCE, con il sostegno dell'Ufficio OSCE per le Istituzioni Democratiche e i Diritti Umani (OSCE/ODIHR), in coordinamento con la Sezione "Gender" presso l'Ufficio del Segretario Generale dell'OSCE.

All'incontro hanno partecipato rappresentanti degli Stati partecipanti, della società civile, di altre organizzazioni internazionali, partecipanti in discussioni sfide e migliori prassi nella prevenzione della violenza contro le donne nell'area OSCE.

"La promozione dell'emancipazione delle donne e la lotta alla violenza di genere sono profondamente intrecciate", ha affermato l'Ambasciatore Alessandro Azzoni, Presidente del Consiglio Permanente dell'OSCE e Rappresentante Permanente d'Italia presso l'OSCE. "Il riconoscimento delle donne come soggetti politici, economici e sociali può aiutare a prevenire e contrastare la violenza contro di loro".

Tra gli altri argomenti, i partecipanti hanno discusso i meccanismi che favoriscono le interazioni tra polizia e le organizzazioni della società civile per fornire supporto alle vittime e sensibilizzare il pubblico sulle cause alla radice della violenza.

Amarsanaa Darisuren, consigliere senior dell'OSCE sulle questioni di genere, ha dichiarato: "Mentre le manifestazioni di violenza e discriminazione contro donne e ragazze potrebbero cambiare nel tempo, le cause profonde della violenza di genere contro le donne si sono dimostrate profondamente radicate nelle nostre società".

I partecipanti hanno anche notato che la disuguaglianza e la violenza non sono vissute allo stesso modo da tutte le donne. Ad esempio, le donne appartenenti a gruppi di minoranza spesso affrontano molteplici forme di discriminazione, che esacerbano la loro esperienza di violenza. È quindi necessario adottare approcci che tengano conto della diversità delle esperienze, hanno affermato i partecipanti.

"Un approccio inclusivo è necessario se vogliamo seriamente cambiare questa situazione", ha affermato Ingibjörg Sólrún Gísladóttir, direttore dell'ODIHR. "Come OSCE, abbiamo bisogno di lavorare con legislatori, politici e forze dell'ordine, con pubblici ministeri e giudici, con i media, con leader religiosi e - ultimo ma non meno importante - con la società civile, anche a livello di base".

La necessità di superare le barriere tradizionali per denunciare la violenza, intervenire e denunciarla è stata quindi messa in evidenza come critica per scoprire e prevenire la violenza.

"Il movimento #MeToo ha posto fermamente molestie sessuali e aggressione nell'agenda politica. Ha dato il via a una conversazione globale vitale, e lo slancio rivoluzionario, guidato da donne coraggiose, continua ", ha detto Purna Sen, Direttrice della Divisione Politiche di UN Women e Coordinatrice esecutiva e portavoce delle Nazioni Unite per molestie sessuali e altre forme di discriminazione , nel suo discorso. "Una porta è stata aperta per un reale cambiamento nel nostro atteggiamento nei confronti della violenza sessuale, in particolare nei luoghi di lavoro. Il nostro compito è di affrontare questa sfida."


47